In diretta da un sogno

Un sogno.
Un sogno confuso, con millemila altre cose dentro.
E c’era lui, Emiliano.
Di qualche anno più giovane di me. Testardo. Impulsivo.

Diversi fino a fare scintille.
Ed, entrambi, dotati di una vis polemica da non esser secondi a nessuno.
Io atea, lui cattolico. Lui di destra, io di sinistra. Io intellettualoide radical chic, lui un uomo pratico.
Potrei andare avanti ore ad elencare dicotomie.
Più di una volta siamo arrivati vicino alle mani.

E ogni volta che passava nella mia città, mi chiamava per andare a cena insieme.
Ogni volta io avevo altro da fare.
Tranne qualche volta, ché comunque mi divertiva.

E ogni tanto cercava di prendermi di sorpresa e mi chiamava che era al casello dell’autostrada ed era venuto apposta per me.
E quasi sempre tornava indietro, altrettanto apposta per me.

E una cena… una cena organizzata da amici cui lui mi aveva invitato e cui io, sprezzantemente, avevo detto che non sarei mai andata.
Salvo poi andarci con un altro.
Camminando su quei 12 cm di tacco che lo facevano impazzire.
Ricordo ancora il suo sguardo quando mi ha visto entrare in quella sala.

Anni che passano. E città. E storie.
E, nonostante tutto, ci sentivamo sempre.
Per litigare.
Per andare ogni tanto a cena insieme.
Per rinverdire la pantomima che lui mi faceva la corte e io la rifiutavo.

Per chiamarlo, se avevo voglia di vederlo.
E averlo, un paio d’ore e qualche centinaio di chilometri dopo, alla mia porta.

Finché una sera, non so cosa sia successo, ma me lo sono trovato nel mio letto.
Una notte così.
All’alba mi disse ti amo.
Non so se fosse vero, probabilmente no.

E’ strano come alcuni uomini trovino il modo di ritornare.
Adesso, se avessi ancora il suo numero di telefono, lo chiamerei.

Per tornare a litigare di politica. Di religione. Di tagliolini con l’astice.
Per mandarci affanculo come l’ultima volta
Mi manca oltremodo, stasera.

Annunci

4 commenti

Archiviato in Fabulae

4 risposte a “In diretta da un sogno

  1. affascinate lui e Te, insieme

  2. Mais si l’on a manqué sa vie
    On songe avec un peu d’envie
    A tous ces bonheurs entrevus,
    Aux baisers qu’on n’osa pas prendre,
    Aux coeurs qui doivent vous attendre,
    Aux yeux qu’on n’a jamais revus.

    Alors, aux soirs de lassitude,
    Tout en peuplant sa solitude
    Des fantômes du souvenir,
    On pleure les lèvres absentes
    De toutes ces belles passantes
    Que l’on n’a pas su retenir.

    Ma se la vita smette di aiutarti
    è più difficile dimenticarti
    di quelle felicità intraviste
    dei baci che non si è osato dare
    delle occasioni lasciate ad aspettare
    degli occhi mai più rivisti

    Allora nei momenti di solitudine
    quando il rimpianto diventa abitudine,
    una maniera di viversi insieme,
    si piangono le labbra assenti
    di tutte le belle passanti
    che non siamo riusciti a trattenere.

    (credits: Antoine Pol, Georges Brassens, Fabrizio De André) volendo qui ci sono entrambi i testi completi.

  3. uomo da collezione

    se vuoi ti do il mio di numero da chiamare…

  4. In quanto a vis polemica io non sono da meno… da sempre! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...