Luis

Mezzo canadese, mezzo americano.
E non ho mai saputo dire quale delle due metà fosse a peggiore.

Però era affascinante Luis, con le sue mille storie da raccontare e le sue ingenuità da americano che sgrana gli occhi davanti a qualsiasi cosa che abbia più di trent’anni (non io, non allora… NdA 😉 ).

Le sue bugie, alle quali facevo finta di credere.
Le mie bugie, alle quali lui faceva finta di credere.
In un gioco delle parti fine a se stesso, ché nessuno dei due chiedeva niente all’altro.

La leggerezza di minuetto danzato in punta di dita. Una partita a scacchi fatta di pezzi che andavano e venivano in barba a ogni regola e convenzione.

E poi… e poi abbiamo smesso di cercarci.
Il gioco è bello fiché dura poco.

Annunci

4 commenti

Archiviato in Fabulae

4 risposte a “Luis

  1. E’ quella punta di acidità, che mi piace in te. Mischi sesso, eros, passione e cattiveria! 🙂

  2. collezionediuomini

    @fabio: io non sono cattiva, sono crudele.
    la sfumatura non è da poco. 😉

    @alf**: visto… tu dubiti della mia sincerità e Akismet decide che sei spam.
    Meditate gente, meditate…

    ** sineddoche per Aver La Faccia (di bronzo)

  3. 23

    Sarà durato poco come periodo, ma il tuo modo di descriverlo lo rende invidiabile, …”la leggerezza di un minuetto ballato sulla punta delle dita”…alchimie che non sono all’ordine del giorno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...