Nihil egimus

L’Alachi di Paolo Diacono è una spia sicura.
Quando, nel bel mezzo di una sala di conferenze, mi viene in mente l’invettiva per l’uccisione di Senone –alla malora, tutto questo bagno di sangue per ammazzare un chierico?– significa che è meglio farsi un giro a sbollire.
Per il colmo, poi, non piove nemmeno, consolazione da men che poco.
Anzi, fuori è talmente caldo che ci si può solo sbollire in un’insolazione.

Per fortuna non siamo in Indocina e non c’è da aspettarsi un tifone.
Anche se non si può mai dire, che, per dirne una, adesso la stazione di Bologna è saltata per aria per dell’esplosivo di passaggio.
Domani ci diranno che Aldo Moro è morto mentre stava pulendo la pistola e gli è partito un colpo.

Ah, che scena! Nemmeno nella riduzione dell’Enrico V per filodrammatica campestre.

Annunci

5 commenti

Archiviato in Fabulae

5 risposte a “Nihil egimus

  1. Miii, non era una conferenza, era un incubo…
    Immagino tu non abbia vacanze impiegatizie, mentre la Penelope sì, tra pochissimo.
    Quindi ti saluto, ci rileggiamo tra un po’
    anche se sono certa che un internet point lo troverò.
    Conservati che sei il mio raggio di sole quotidiano.

  2. Ma era una conferenza oppure una punizione?
    Buon weekend!

    —Alex

  3. Con l’Alachi di Paolo Diacono mi hai preso proprio in contropiede.
    Per me potrebbe anche essere una nuova moto fuoristrada.
    Cedo alla cultura e ammetto la mia ignoranza.
    Saresti disponibile per qualche lezione privata?

  4. Ma sei andata in ferie?
    Senza dirci dove forse potremmo incontrare, insperatamente, le tue dolci fattezze?

  5. Auguri di buone ferie, se ferie sono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...