Archivi tag: Regole

Regola n. 9

Mai farsi prendere dalle emozioni.
Soprattutto quando vestono il nome dell’isteria.

7 commenti

Archiviato in Regole

Tentazioni di primavera

Due metri di pelle d’ebano e i lineamenti sottili di un somalo.
Occhiali blu pavone che basterebbero da soli a rendere un uomo interessante.
Un delizioso accento straniero.
Cinque lingue parlate correntemente, lavora in un qualche consolato.

Sarà che in primavera gli ormoni ballano, sarà che è davvero bello ma sarebbe da perderci la testa…

Però:

  1. abita letteralmente dietro l’angolo di casa mia
  2. mi è stato testé presentato dal padre di un mio amico

Che tradotto significherebbe trasgredire le regole n. 5, 4 e 2.

Archiviato.

5 commenti

Archiviato in Fabulae, Lezioni

Regola n. 7

C’è una cosa peggiore di avere un amante scelto tra i tuoi amici, conoscenti e/o affini.
Ed è avere un amante la cui donna appartiene a una delle categorie di cui sopra.

Ché se un uomo può diventare un fastidio, una donna può diventare il peggiore degli incubi.

1 Commento

Archiviato in Lezioni, Regole

Regola n. 6

Non dire mai farei qualsiasi cosa

Ché per me qualsiasi cosa vuol dire davvero qualsiasi cosa

1 Commento

Archiviato in Regole

Trasgressione? No, grazie.

Qualche giorno fa Gilgamesh, l’opinionista, ha scritto:

Ma soprattutto perché fondamentalmente ti ammiro. Un comportamento come il tuo, tenuto da un maschio, genera ammirazione e invidia; il dongiovannismo è tuttora considerato qualcosa di cui menar vanto con gli amici.

Tenuto da una donna, per quante conquiste il genere femminile abbia ottenuto nella lunga marcia per una effettiva parità dei sessi, genera tuttora il più delle volte deprecazione e scandalo. Nel migliore dei casi attira biasimo (femminile) e proposte sconce. 

In questi giorni di silenzio, queste parole mi son rimbombate le testa.
(Non è poi così difficile, visto che, notoriamente, la mia crapa è vuota, ma faccio finta che non lo sia e vado avanti.)

E il rumore di fondo ha solo un nome: ipocrisia.
L’ipocrisia di chi io le regole le trasgredisco, ma solo fino alle cinque che poi c’ho il circolo del ramino.

Ecco, io le regole non le trasgredisco.
Per la semplice ragione che me le faccio io le regole da seguire.
E di quelle degli altri, francamente, me ne infischio.

Me lo posso permettere.

Per questo non mi pongo il problema della gente.
E se parlano di me… non sono fatti miei.
Tout court.

5 commenti

Archiviato in Regole

Regola n. 4

Nessun uomo vale una rottura di palle

4 commenti

Archiviato in Regole

Regola n. 2

A vent’anni una donna fa l’amante.
A trenta, se vuole, si fa un amante.

1 Commento

Archiviato in Regole